KM Police


 




       Responsabile del settore

       Maestro Marco Ceccarini










                                 Questo corso è rivolto esclusivamente:


                                 alle  Forze dell'Ordine 

                         - agli  Operatori della Sicurezza

                         - ai Tecnici settore Krav Maga  

                                 (guardie particolari giurate, investigatori privati ecc...).



Polizia Locale



Addestramento al Tiro

 


  


      Ogni programma specifico è studiato appositamente in base alle esigenze del gruppo di lavoro: forze dell'ordine di ogni genere e grado sia italiane che estere.

     Contestualmente alle lezioni pratiche di "Difesa Pesonale", "Tecniche Operative" e "Tiro con Arma da Fuoco", vengono, inoltre, affrontate nozioni di legislatura e psicologia. Al termine del corso ad ogni allievo verrà rilasciato un attestato di frequenza ed il livello acquisito rilasciato dalla Sicurity Accademy Force.
 
    Le tecniche insegnate in questo corso sono strettamente correlate alla tipologia di lavoro che svolge l'allievo, poichè un Operatore della sicurezza necessita dell'apprendimento di tecniche specifiche quali:

    

    ·       Studio tecniche operative di pubblica sicurezza

    ·       Posti di controllo, di blocco

    ·       Studio e preparazione su ammanettamento, perquisizione, controllo e accompagnamento

         soggetti ostili    

    ·       Studio di tecniche di autodifesa a mani libere contro attacchi di : bastone, coltello e corpi 

         contundenti.

    ·       Studio e utilizzo del tonfa estensibile e/o sfollagente bastone estensibile, distanziatore, 

         mazzetta di segnalazione

    ·       Disarmo da minaccia da arma da fuoco, lunga, corta, revolver, automatica.

    ·       Intervento contro minaccia a mano armata su terza persona: coltello, pistola

    ·       Tecniche scorta personalità

    ·       Bonifiche locali e mezzi di trasporto

    ·       Trappole esplosive

    ·       Trasporto soggetti ostili in macchina di servizio, trasporto in macchina civile non attrezzata.

    ·       Studio ritenzione arma 

    ·       Maneggio pistola d’ordinanza

    ·       Addestramento pratico al  "Tiro Dinamico Operativo"  con arma in dotazione di reparto


      Su richiesta vengono svolti Corsi di Tonfa e Batton Police.


TECNICAS OPERATIVAS DE LA POLICIA

 

 

  •            Estudio de lastècnicasoperativas de la seguridadpùblica;

  •          Establecimiento de control;

  •          Estudio y preparaciòn para usar lasesposas,bùsqueda, control y acompanamiento de                                personashostiles;
  •  
  •          Estudio de tècnicas de autodefenza a manoslibres contra ataques de: paloscuchillos y                              cuerposcontundentes;

  •          Estudio de comoutilizarel tonfo extensible y/o palo (tranca) extensible; distanciador,            muestrario de senalaciòn;

  •          Desarmeamenaza de arma de fuego , larga, corta, revòlverautomàtico;

  •          Intervento contra la amenaza a mano armada en tercera persona, cuchillo , pistola;

  •          Tècnicas de escoltapersonalidad;

  •          Recuperaciòn y medios de transportelocales;

  •          Trampasexplosivas;

  •          Transportesujetoshostiles en màchinas de servicio,transporte en coche particular no              equipado;

  •          Estudioretenciòn de arma;
  •  
  •          Manejar la pistola de ordenanza;

  •          Formaciònpràctica al “Tiro DinàmicoOperacional”con arma suministrada por                          eldepartamento.


 
           

                Master Marco Ceccarini

    ·   Forma parte del CuerpoReal de la Policìa Italiana

            Especializaciones en ellugar de trabajo :

   ·  1999/2012 D.I.G.O.S. contra el terrorismo          

                                             (Diviciòn Investigativa General de Operaciones Especiales)


    ·
  Operador de Acciones y Seguridad de la Policia del Estado

    ·  Operadorde EscuadraMòvil de la Policia del Estado 

          Curriculum Profecional

    ·  Maestro Internacional deKrav Maga (F.E.S.I.K.) 

    ·  Maestro de Defenza Personal 2°nivel (F.E.D.P.) 


    ·  Cintura Negra 2°Dan Karate Shotokan (Agonista) 

    ·  TècnicoNacional y Profesor Federal F.E.S.I.K .PolicìaKrav Maga

    ·  Instructor Policìa de Tècnicas de Tonfa yBatton

    ·  Especialista en ArmasOrientales: tonfa, espada,say-                           bo,cuchillo,nunchaku,palo           largo y paloscortos.

    ·  2007 curso de formaciòn para Entrenador Personal FIEFS a                   Bologna (Italia)  


    ·  Dal 1990 al 2001 practicante agonista de YoseikanBudo y Semi           Contact

    ·  Instructor de Tiro de arma de Fuego “Defensive Shooting                     Instructor” de la Seguridad de la Academia de la  Fuerza 

    ·  Certificaciòn “T.O.M.A.S.” Tiro Operativo y  Manejo de Armas de           fuego en Seguridad

    ·  ATPO (Asociaciòn Tiro PràcticoOperacional)


    ·  Certificaciòn “COMBATE Y DEFENZA GUN”- (Tècnicasavanzadas            de defenza personal conarmas de fuego, supervivencia de                  combate, prueba de esfuerzo entrenamientofìsico                              extremomental) Academia de la Fuerza de Seguridad

    ·  Instructor en EscuelaPolicìaNacional en San Josè ,Costa Rica               (Julio 2013) 

    ·  Instructor en La Universidad de Costa Rica a San Josè, Julio                                                2013

                                         ·  Instructor en el InstitutoKapap Lanka (Sri Lanka) (Mayo 2012)

                                          ·  Instructor de TècnicasOperatorias ydefenza personal de la                                                        Policìa de Estado en la Estaciòn de Policìa en Mantova. 

                                    ·  Instructor de TècnicasQperatorias, defenza personal y Tiro                                                 dinàmicoOperacional de la Policìa Local del Municipio  de                                                     Curtatone MN

                                    ·  Instructor de TècnicasOperatorias, defenza personal y Tiro                                                  DinàmicoOperacional de la Policìa Local del Municipio de                                                    Rodigo (MN) 

                                    ·  Instructor de TècnicasOperatorias,defenza personal y Tiro                                                   Dinàmico de la Policìa Local del Municipio de Borgoforte(MN)

   
                                          ·  Instructor de TècnicasOperatorias, defenza personal y Tiro                                                       DinàmicoOperacional de la Policìa Local del Municipio de                                                           Bagnolo San Vito MN




CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER 

 GUARDIE PARTICOLARI GIURATE

 

        

   

      Troppo spesso le persone si avvicinano alla “professione” di Guardia Particolare Giurata trascurando l’aspetto della formazione e del continuo miglioramento tecnico operativo, sono poche anche le Aziende disposte ad investire sulla formazione dei propri operatori.

     In questo delicato lavoro che ha subito sostanziali cambiamenti nel corso degli anni, molti credono che basti possedere un’arma da fuoco e indossare la divisa per potersi ritenere dei seri professionisti preparati, in realtà questo non basta e, quando si manifesta la necessità di entrare in azione, sfortunatamente, cronaca nera docet: l’operatore, non adeguatamente addestrato, commette errori che hanno sempre effetti nefasti su se stesso o sugli incauti avventori.

     Nell’ultimo decennio, e in futuro lo sarà ancora di più, la sicurezza e il controllo del territorio saranno sempre più affidati alla Sicurezza Privata,a tal scopo la nostra accademia si pone come fi gura di spicco nell’ambito della formazione professionale, proponendo un programma completo denominato EDUCATIONAL SECURITY GUARD, chepossa rispondere sempre più alle esigenze degli utenti interessati.    

    Questo programma è attualmente adottato e applicato in alcune delle più moderne e avanzate Agenzie di Vigilanza.

  
 
Security Partner nasce per la volontà di un gruppo di soci fondatori con l’intento di sviluppare e divulgare la cultura e la formazione della guardia particolare giurata, adeguandosi alle materie e ai contenuti indicati nel punto 1.e “formazione delle guardie particolari giurate” dell’allegato D “requisiti operativi minimi degli istituti di vigilanza e regole tecniche dei servizi (art. 257, commi 3 e 4 del Regolamento di esecuzione)” nella sezione dedicata alle “ Disposizioni generali riguardanti l’organizzazione dei servizi e l’impiego delle guardie giurate” del Decreto del Ministero dell’Interno del 1° Dicembre 2010 n. 269.  

   L’eperienza professionale dei soci e il comune intento di dar vita ad una realtà nuova, in grado di soddisfare con metodologie “a distanza”, su piattaforme e-learning, alternativa alla formazione frontale in aula, hanno lo scopo di far conseguire i migliori risultati di apprendimento, comodamente da ogni luogo e in ogni ora.




Uso legittimo delle armi da parte delle forze 
di Polizia in caso di fuga


La Cassazione penale, con la sentenza n. 11879 del 22 maggio 2007, è tornata a pronunciarsi sulla vexata quaestio relativa alla legittimità o meno dell’uso delle armi da parte delle forze di polizia. Con la sentenza in commento, quindi, la Suprema Corte ha disatteso orientamento che aveva ampliato l’ambito applicabilità dell’art. 53 c.p. ritenendo giustificato, ancorché a ben precise condizioni, l’uso delle armi da parte degli esponenti delle forze di polizia, anche in situazioni di inseguimento di fuggitivi. 

La problematica in questione, qualunque soluzione sia (nel tempo) stata accolta, ha semprelasciato insoddisfatti, e ciò per la contrapposizione di opposti orientamenti giuridico-ideologici che in materia si sono sempre fronteggiati e che sono, in effetti, difficilmente bilanciabili.. 

Da una lato, infatti, vi sono i sostenitori della teoria secondo cui l’uso delle armi debba essere considerato legittimo – ex art. 53 c.p. – e, pertanto, anche a fronte di un atteggiamento passivo, quale è, appunto, la fuga. I sostenitori di tale tesi arrivano, addirittura, ad individuare un combinato disposto di tale norme con l’art. 2 n. 2 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950 (recepita con la l. 4 agosto 1955, n. 848 secondo il modello della ratifica ed esecuzione dei trattati internazionali), e ciò al fine di escludere ogni sorta di responsabilità. 

Sul piano opposto si colloca, invece, un'altra corrente di pensiero – che, in definitiva, è quella accolta dalla sentenza che qui si commenta – secondo cui il carattere primario ed indefettibile per configurare come legittimo il ricorso alle armi sarebbe da individuarsi nella esclusiva necessità di “...respingere una violenza o superare una resistenza attiva” il che, ovviamente, lo renderebbe incompatibile con la fuga che è manifestazione di una tipologia di resistenza diversa da quella attiva. 

Ed è proprio in questo contesto che viene a collocarsi la sentenza n.11879/07 la quale si impone come momento di rottura rispetto alle visioni predominanti e rispetto alle quali suggerisce il ritorno ad una visione della problematica de qua più articolata, nel cui ambito assumono carattere fondamentale le distinzioni fattuali e giuridiche che intercorrono fra resistenza attiva e resistenza passiva. 

Ed invero, nel caso di specie il S.C. condivide la posizione dei giudici di merito, i quali hanno distinto l’intervento del carabiniere (imputato) in due differenti fasi temporali, ponendo l’accento sul fatto che il ricorso all’uso delle armi sia avvenuto dopo la cessazione di uno stato di opposizione e resistenza attiva del soggetto all’atto in compimento da parte dell’agente. 

A sostegno delle posizioni assunte, quindi, la Corte chiarisce che la ratio della disposizione dell'art. 53 c.p. starebbe nella necessità di consentire al pubblico ufficiale l'uso delle armi al fine di adempiere un dovere del proprio ufficio, e “…considera legittimo l'uso dell'arma solo in presenza della necessità di respingere una violenza o superare una resistenza attiva.” 

In altre parole, l’insegnamento qui suggerito dalla Cassazione è inequivocabile nel postulare che l’uso delle armi rappresenterebbe una risposta dell’agente da assimilare all’uso della forza fisica o morale e, in quanto tale, non configurabile nel caso di fuga, la quale realizza solo una resistenza passiva, salvo che sia posta in essere con modalità idonee a mettere a repentaglio l'incolumità del terzo.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE 

SEZIONE III PENALE 

Sentenza 22 maggio 2007, n. 11879





                   Corso Police a San Josè - Costa Rica


                                     edizione 2013









e lo scorso anno il Dojo Eleonora era sbarcato in Sri Lanka, quest'anno il Maestro Marco Ceccarini Tecnico Nazionale Police - FESIK nonché Assistente Capo della Polizia di Stato in servizio a Mantova da quasi trent'anni, è volato oltre Oceano, assieme ad alcuni componenti dello staff tecnico, per raggiungere la magnifica terra del Costa Rica.

Tutta la prima settimana del mese di luglio a San Josè, capitale del Costa Rica, si sono svolti gli allenamenti alla presenza del Dr. Paolo Rosi, Console d'Italia a San Josè e del Cav. Luigi Cisana, Presidente Comites che hanno permesso la realizzazione di questo evento riservato alla Polizia Nazionale dei Gruppi Speciali, delle Scorte Presidenziali  e del gruppo della Sicurezza dell'Università Nazionale di  Costa Rica.

Il Presidente del Comites nel presentare i maestri venuti dall'Italia alle Forze di        Polizia ha riaffermato che tali manifestazioni dovrebbero esser sempre più    frequenti per consolidare già i buoni rapporti di interscambio tra i due paesi.



 L'importanza di tale operato è stato evidenziato anche dal Console d'Italia, per  aver posto una pietra miliare nella formazione delle Forze di Polizia costaricensi da  parte dell'Italia che già da due anni ha realizzato nell'ambito della cooperazione  internazionale.

 Alle lezioni di krav maga Police hanno partecipato ufficiali in servizio alle Forze  Speciali, i quali sono stati suddivisi in due location diverse, il mattino allenamento  e tecniche presso la nuova sede della Escuela Nacional de Policia, il pomeriggio  all'Universida de Costa Rica.

Entrambi i corsi si sono conclusi con successo, allievi entusiasti di aver appreso  delle tecniche innovative e desiderosi di poter proseguire questo percorso, per il  Maestro due importanti "Certificati di Riconoscenza" per quanto insegnato da 



 parte del Ministero di Sicurezza Pubblica - Unità Specializzata e dall'Università di  Costa Rica e l'incontro presso la Casa Presidenziale con il Vice Presidente della  Repubblica di Costa Rica prof. Alfio Piva, di origini mantovane che ha espresso  sentimenti di riconoscimento per l'impegno profuso.

 "Dopo i primi momenti di presentazione e di coordinamento le lezioni sono    decollate. L'affiatamento con gli allievi si è instaurato subito e i timori che la  lingua potesse esser uno scoglio sono svaniti. Ogni tecnica illustrata non è stata 

     

 solo una scoperta ma un motivo di confronto di discussione e di apprendimento.  Dalle tecniche di difesa per il personale delle scorte eseguito a mani nude si è passati al disarmo da pistola, coltello e tecniche police di tonfa.

 " La passione e il desiderio di confrontarmi e migliorarmi sono gli ingredienti con cui organizzo e svolgo questa attività no profit a scala internazionale.

   Questi momenti importanti di arricchimento professionale offrono la possibilità di confrontarmi con altre realtà lontane da quella italiana e di poter lavorare nel   rispetto dei valori su cui fonda valide radici la Palestra Dojo Eleonora". 

                                                                                                                                                                                     Maestro Ceccarini






Corso di Police in Sri Lanka




   

    
     

  L'amicizia che lega il Nostro Maestro Marco Ceccarini al sig. Sathis Thiramunige presidente e direttore tecnico del Krav Maga Sri Lanka a fatto sì che si potesse intervenire anche in territorio asiatico. Inutile specificare che l'obiettivo no profit della nostra palestra è stato rispettato nel ricordo di Eleonora "nostro Angelo Custode". 







Il Maestro Marco Ceccarini Tecnico Nazionale Police- FESIK nonchè Assistente Capo della Polizia di Stato unitamente ai collaboratori: Simone Milani Caporale  Maggiore Scelto dell'esercito in servizio presso 8° Rgt. guastatori, paracadutisti "Folgore", Legnago (VR) e Treselli Fabio Caporale Maggiore dell'esercito in servizio presso 8° Rgt. guastatori, paracadutisti "Folgore", Legnago (VR); sono arrivati in Sri Lanka il giorno 10 maggio 2012.                    L'attività di istruzione si è svolta in più giorni di intenso lavoro.

 Scuola di Polizia di Kaluthera:

Le centocinquanta allieve dell'Accademia Sottoufficiali della scuola di Polizia hanno potuto acquisire le tecniche del Krav Maga per migliorare le loro capacità di autodifesa.

Ultima tappa, ma non per questo meno prestigiosa delle precedenti, ha permesso a più di trecento persone, comprensive del gruppo sportivo (Karate) Air Force Sri Lanka di avvicinarsi alle tecniche del Krav Maga. 



Questo evento era rivolto soprattutto alla difesa personale delle donne. Per noi nulla di nuovo, visti i molteplici corsi gratuiti di antiaggressione femminile che svolgiamo annualmente presso la nostra palestra.

  
Coronamento del nostro cammino in Sri Lanka è stato l'incontro di martedì 15 maggio con l'ambasciatore dello Sri Lanka Dott. Fabrizio ARPEA al quale abbiamo portato i saluti del Questore di Mantova Dott. Antonino D'ALEO e del Comandante dell'8° Rgt. G. Gua. Par. 


"FOLGORE" Colonnello Salvatore TUMMINIA. 

Il Dott. ARPEA soddisfatto della nostra visita ci ha incoraggiato a continuare e con un arrivederci al prossimo anno abbiamo concluso questa nuova esperienza in "terra straniera".




LEZIONI DI KRAV MAGA POLICE




Per il terzo anno consecutivo ripartono le lezioni di Krav Maga Police per i dipendenti delle amministrazioni comunali dei Comuni di Curtatone e Rodigo appartenenti al corpo di Polizia Locale. Un appuntamento mensile che vedrà i "ragazzi della Polizia Locale" non sui banchi di scuola ma nel territorio ad acquisire nozioni pratiche per svolgere al meglio il proprio lavoro. Fermare un’auto senza rischiare di essere travolti; perquisire un ambiente sospetto, come ammanettare un arrestato, ed ancora, saper capire quando è il momento di estrarre la pistola, sono tutte situazioni tipo che da un agente di Polizia Locale devono essere gestite con capacità e prontezza, mai con l’improvvisazione.



Gazzetta di Mantova del 14.11.2012


Il Sindaco dott. A. Badolato del Comune di Curtatone ritiene sia giusto offrire alla cittadinanza un servizio completo, ciò è possibile NON SOLO CON I CORSI DI AUTODIFESA ANTIAGGRESSIONE CHE ANNUALMENTE ORGANIZZA IL COMUNE, MA ANCHE OFFRENDO AI dipendenti comunali la possibilità di potersi aggiornare, acquisendo nozioni e tecniche innovative per migliorare la resa del proprio operato nel territorio. L’obiettivo finale: "Rendere più efficiente l’azione della polizia locale ma anche offrire maggiori garanzie di sicurezza sul lavoro agli agenti".

Il Comandante della Polizia Locale Intercomunale Cristiano Colli ha riscontrato un forte interesse da parte dei ragazzi del Corpo di Polizia Locale. Troppo spesso capita che durante un posto blocco o nelle normali attività di controllo sul territorio ci si trovi a doversi confrontare con persone alterate dall’uso indiscriminato di alcool e/o sostanze stupefacenti. “Sapere di avere degli agenti preparati e allenati mi dà più tranquillità nel risolvere in modo veloce situazioni di pericolo per la cittadinanza”.

Le lezioni teorico pratiche iniziate a Novembre sono tenute dal Maestro di Krav Maga Marco CECCARINI, Assistente Capo della Polizia di Stato, Tecnico Nazionale e docente federale F.E.S.I.K. Police, nonché Istruttore di Tiro della Security Force Accademy  e direttore tecnico della palestra Dojo Eleonora. I “ragazzi” approfondiranno le tecniche di ammanettamento, disarmo da coltello, pistola o qualsiasi altro oggetto contundente che il malvivente potrebbe usare per aggredire, approfondiranno inoltre il maneggio della pistola e la loro capacità di tiro. “Noto che i ragazzi sono molto interessati e curiosi, a distanza di tre anni dall’inizio del nostro primo appuntamento mensile li vedo più attenti e capaci. Offrire loro la mia esperienza quasi trentennale nella Polizia di Stato è un piacere nonché un onore".








                                                               

Gazzetta di Mantova del 14.11.2012